Ogni paese ha una cultura diversa in ogni campo, da quello artistico a quello letterario passando per quello architettonico. Un banale modo di dire recita: il mondo è bello perché è vario. Forse è proprio per questo motivo che quando visitiamo un posto nuovo restiamo affascinati da quello che vediamo, da tutto ciò che è diverso dai nostri canoni.

Dopo il mio ultimo viaggio ad Atene, la culla della civiltà moderna, non potevo non dedicare uno spazio all’edificio di culto più importante della capitale ellenica. Per questo motivo oggi vi parlo della Cattedrale Metropolitana dell’Annunciazione (Ιερός Μητροπολιτικός Ναός).FullSizeRender (2)

La Cattedrale, anche conosciuta come Mitropoli si trova nel cuore di Atene in piazza Mitropoleos, poco distante del caratteristico quartiere Monastiraki e dall’Acropoli della città. La chiesa venne costruita nell’arco di venti anni, fra il 1842 e il 1862, per adempiere alla funzione di Cattedrale per il Metropolita di Atene (figura della chiesa ortodossa di grado intermedio fra il pontefice e l’arcivescovo). La fabbrica della Cattedrale ebbe molti problemi durante la costruzione per motivi finanziari; si succedettero, infatti, tre architetti per la realizzazione del progetto. Nel 1862 la Mitropoli venne ufficialmente consacrata al culto cristiano-ortodosso.

Processed with VSCO with hb1 preset
Instagram: @dani_bi90

Dal punto di vista architettonico la chiesa si presenta all’esterno con uno stile bizantino-moderno semplice. La facciata è raccolta da due campanili laterali che vanno a racchiudere i tre portali di accesso che danno su un piccolo portico composto da tre arcate che poggiano su colonne.

All’interno la Cattedrale si presenta come una grande ambiente a tre navate con dei matronei (loggiati) posti sopra le navate laterali. Le decorazioni pittoriche presentano dei motivi floreali che si alternano a motivi geometrici. La zona più suggestiva della chiesa è la parte della navata centrale che ospita il presbiterio (la parte riservata agli officianti della messa). L’altare e il coro sono nascosti dalla splendida Iconostasi marmorea che contiene la porta santa e sulla quale sono disposte su tre fasce le icone più importanti della chiesa greco-ortodossa.FullSizeRender (7)

Curiosità: all’interno della Cattedrale sono presenti i sarcofagi del patriarca di Costantinopoli Gregorio V e quello di Santa Filothei.

Come arrivarci: bisogna prendere un aereo per Atene!FullSizeRender (4)